Direttore Beppe Giuliano
Settimanale di Verona
RSS di - ANSA.it Ecco nuova Italia, Mancini vuole cominciare bene. Probabili foormazione - Neymar: 'Io al Real? Non ne parlo, cavolate' - Tennis: Ostapenko già fuori a Parigi - Giro: M5S, lavori fino all'ultimo - Si tratta per ore. Poi lo scontroAffonda il governo Lega-M5SIl presidente preoccupato per i mercati: «Io garante, non subisco imposizioni»E Di Maio ora evoca l’impeachment - Sfida irresponsabile, sconfitta per l’Italia - Salvini: «Da Mattarella attacco alla democrazia. Non so se tornerà il centrodestra» - Di Maio e il disperato tentativo di convincere Salvini e Savona: «Ma Matteo voleva le urne» - Scontro istituzionale sul nuovo governo. Conte rinuncia, Mattarella convoca Cottarelli. "No a un ministro dell'Economia antieuro". E Di Maio e Meloni invocano impeachment - Madre e figlia trovate morte alle porte di Roma: ipotesi omicidio-suicidio - Piacenza, donna uccisa a coltellate dal marito davanti al figlio - Colombia, nelle presidenziali la destra è in testa ma si va al ballottaggio -
Euler Hermes


homepage : articolo
Il segno dell'Ottocento fino al 25 febbraio a Castelvecchio
di Redazione Web (del 08/02/2018 @ 23:04:51, Sezione Arte)
Ancora un interessante appuntamento al Museo di Castelvecchio di Verona, con la mostra “Il segno dell’Ottocento. Disegno italiano a Verona”, visitabile fino al 25 febbraio in Sala Boggian. Promossa dal Comune di Verona-Direzione Musei d’Arte Monumenti e Biblioteca Civica, è curata da Elena Casotto e Sara Rodella, e ha il patrocinio della Regione Veneto. Manifestazione un po’ di nicchia, ma da non sottovalutare. Per il tema su cui focalizza l’attenzione, ancora molto da approfondire; per le piacevoli e pregevoli opere esposte, in gran parte inedite, appartenenti a collezioni normalmente non fruibili dal pubblico e messe a disposizione dalla Biblioteca Civica di Verona, dal Gabinetto Disegni e Stampe dei Civici Musei d’Arte di Verona (il Gabinetto raccoglie e conserva opere grafiche italiane dal XVI secolo a oggi, superando il limite cronologico del Settecento, proprio dell’esposizione permanente del Museo, nonché quello geografico locale, da cui il sottotitolo della mostra) e dal Banco BPM, main sponsor dell’iniziativa; e come testimonianza della varietà della grafica italiana, che tocca tutti i generi, gli stili e le tematiche dell’epoca. Si tratta di una settantina di fogli -- tra schizzi, bozzetti e disegni – di cinquantasei autori italiani, noti e meno conosciuti dal pubblico dei non addetti ai lavori, eseguiti a matita, penna, pastelli. Le funzioni variano dallo schizzo per fissare un’idea, allo studio di un particolare; fino a divenire opere d’arte in sé autonomamente compiute. I soggetti riprendono quelli della pittura contemporanea: paesaggi, scene di storia e di genere, ritratti, autoritratti. Alla comprensione di tutto ciò aiuta, oltre alle preziose didascalie, l’intelligente e chiaro allestimento realizzato da Alba Di Lieto con Ketty Bertolaso, che mette a confronto le testimonianze grafiche con nove dipinti e una scultura coevi, scelti a dialogo e commento di esse. Il visitatore riesce così a coglierne i cambiamenti ispirativi ed esecutivi, che seguono, con andamento parallelo o contiguo, quelli della pittura e della scultura, fino alla loro emancipazione da esse, specie a partire dalla seconda metà del secolo. La mostra è suddivisa in tre sezioni tematiche. Si inizia con i paesaggi e gli studi sulla natura. Seguono gli studi preparatori all’opera da eseguire o a un suo dettaglio. Si chiude con il ritratto e autoritratto e la ricerca sulla figura umana. A ideale omaggio alla città ospitante, introducono l’esposizione alcuni disegni (anonimi) di significativi monumenti e vedute di Verona. Nella sezione “naturalistica”, si notano, tra l’altro, pregevoli teste di animali, come quella “di mucca”, di Alfredo De Simoni, e “di cavallo”, di Henry Coleman, di gusto già decisamente verista. Di particolare interesse il segmento dei ritratti (“di Massalongo”, di Angelo Dall’Oca Bianca) e autoritratti (di Ambrogio Riva) e degli studi di figura (“Giovane seduto”, comunicante ammiccanti inquietudini adolescenziali, di Fausto Zonaro; una assorta e concentrata “Donna che lavora a maglia”, di Vincenzo Dattoli; “Donne a passeggio”, nel piacere della bella giornata, di Giuseppe De Nittis; il molle abbandono della moglie delicatamente ritratta nel sonno da Federico Faruffini). Non mancano le curiosità, come alcune vedute e scene di genere destinate soprattutto ai viaggiatori del grand tour che completava, dopo gli studi, l’educazione dei giovani aristocratici europei. Una di queste, dedicata a Napoli, è articolata in vari fogli, ottenendo gli effetti del grandangolo fotografico. Segantini, invece, testimonia l’emancipazione della grafica in senso autonomo, rielaborando e sviluppando nel disegno suoi lavori pittorici precedenti. Un ottimo esempio, questa mostra gioiello, di sinergia tra varie istituzioni; a tutto vantaggio del fruitore, come hanno sottolineato i direttori della mostra stessa Margherita Bolla e Agostino Contò il giorno dell’inaugurazione. (Franca Barbuggiani)

“Il segno dell’Ottocento. Disegno italiano a Verona”
Museo di Castelvecchio, Sala Boggian
Corso Castelvecchio, 2 - Verona
Orari: martedì-domenica 8.30-19.30; lunedì 13.30-19.30
Biglietti: da 7,50 a 1.00 €
Info: tel. 045 8062611; fax 045 8062652;
e-mail castelvecchio@comune.verona.it;
www.verona.it
Articolo articolo  Storico storico Stampa stampa
 
Nessun commento trovato.

Anti-Spam: digita i numeri CAPTCHA
Testo (max 1000 caratteri)
Nome
email


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.


^ Torna su ^

Cerca tra le notizie
 
gsk
Pillole
top
left euposia right
bottom
Titolo
Archiviati per sezione:
Agricoltura (141)
Ambiente (760)
Appuntamenti (69)
Arte (218)
Attualità (861)
Boomerang (2)
Bulldog (30)
Costume (2)
Cronaca (1464)
Cultura (210)
Economia (1038)
Happy hour (122)
Inchiesta (15)
Musica (3)
Pecora Nera (15)
Politica (523)
Pungitopo (1)
Quattro chiacchiere (8)
Redazione (2)
Salute (34)
Sanità (972)
Scuola (217)
Sogno o son destro? (110)
solidarietà (372)
Sparagli Piero (42)
Spettacoli (850)
Spin Doctor (63)
sport (154)
Tempo libero (106)

Archiviati per mese:
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006

L'Adige - Archivio numeri arretrati
top
left pillole right
bottom
Titolo  
L'ADIGE di Verona

Autorizz.Tribunale C.P. di Verona
nr. 1356 del 16/3/99
Iscrizione al Registro Nazionale della
Stampa n. 8857 del 15/12/2000

CONTESTO EDITORE scarl
Palazzo Ravignani - Via Frattini, 3
37121 Verona

Presidente e Direttore Responsabile:
Beppe Giuliano
Caporedattore:
Nicoletta Fattori

Redazione e Pubblicità:
Via Frattini, 3 - 37121 Verona
Tel. 045 8002685
Fax 045 596242
Per l’invio di comunicati stampa:
desk@giornaleadige.it

 

Feed XML RSS 0.91
Feed XML Atom 0.3

Valid XHTML 1.0 / CSS top