Direttore Beppe Giuliano
Settimanale di Verona
RSS di - ANSA.it Usa a Wto contro Cina e Ue per dazi - Apple aggiorna il MacBook Pro, c'è anche Siri - Louvre clona statue di Michelangelo, così viaggeranno - Maltempo, un fiume d'acqua travolge Bardi - VIDEO - Helsinki, il vertice Trump-Putin. «Russiagate è una farsa senza prove» - Maltempo, nubifragi e trombe d’aria al Centro-Nord. Danni tra Mantova e Verona Video  - Cassazione: stupro di gruppo, se la vittima si è ubriacata non c’è l’aggravante - Cena al ristorante e muore per reazione allergica. La 24enne aveva i farmaci. Un indagato Choc anafilattico: cosa fare - Trump-Putin, il Russiagate piomba nel faccia a faccia. "Ma ora apriremo una nuova fase di pace e di stabilità" - Anche il Fmi taglia la stima dell'Italia e punta il dito contro l'incertezza politica - Dl dignità, Fico: "Il complotto? Se lo dice Di Maio, gli credo". E sulle dimissioni di Boeri: "Deve parlarne con Conte" - Migranti, tutti a terra i 450 di Pozzallo. Tra loro anche 128 minori soli -
Euler Hermes


homepage : articolo
Fiabesca "Turandot" all'Arena di Verona
di Redazione Web (del 11/07/2018 @ 15:49:00, Sezione Spettacoli)
Oleografica e fiabesca, sfavillante e dimessa, delicata e truculenta, ritorna per la quinta volta all’Arena di Verona, terzo titolo dell’86° Opera Festival, la pucciniana “Turandot” nell’allestimento creato da Franco Zeffirelli, nel 2010, appositamente per l’antico contenitore anfiteatrale veneto. Ultima fatica operistica di Giacomo Puccini che, ormai malato, la lasciò incompiuta alla morte di Liù (fu rappresentata per la prima volta alla Scala, postuma, nel 1926, portata a termine da Franco Alfano che le conferì la veste musicale nella quale è tradizionalmente rappresentata) pur ispirata ad una fiaba (di Carlo Gozzi su libretto di Giuseppe Adami e Renato Simoni) con tanto di happy ending, in realtà questo canto del cigno del Maestro lucchese si palesa ossessivamente dominato dal tema della morte: forse un inconscio presago bisogno di esorcizzarne la paura? E dal tema del’amore. Non quello della romantica accoppiata “eros-thanatos”, ma da un amore malato: di gelo e vendetta, nella donna, dettato da spirito di scommessa spavalda e opportunistica, nell’uomo, protagonisti ufficiali della storia. Ma dall’amore donante, umile e immenso - motore e chiave di volta di tutta la vicenda - della piccola Liù, occhi di chi non vede, cuore di chi cuore non ha. Questo ci è sembrato emergere chiaramente dall’allestimento di Zeffirelli, che separa nettamente il mondo reale -- dell’abnegazione, del dolore e della pietà -- da quello iconico, asettico e autoreferenziale del potere. Aiutato dai preziosi ed eleganti costumi stilizzati di Emi Wada, dai leggiadri movimenti coreografici di Maria Grazia Garofoli e dall’appropriato lighting design di Paolo Mazzon. Sul podio, Daniel Oren valorizza al meglio la partitura, esaltandone del pari contenuti drammatici e di intenso lirismo, con sensibile e acuta analisi stilistica e anagogica (magistrale l’offerta, in particolare, della struggente morte di Liù) oltre a tenere una ferrea conduzione di orchestra, coro, voci soliste e coreuti (Coordinatore del Ballo, Gaetano Petrosino). Anna Pirozzi delinea una Turandot gelida e crudele quanto basta, dagli acuti taglienti ma anche capace di un canto scorrevole e timbrato. Gregory Kunde, voce estesa anche se non dotata di grande peso drammatico e non sempre impeccabile nell’emissione, pennella di sfumature eroiche un Calaf disinvolto e convincente. La coreana Vittoria Yeo è Liù di raro pregio, cesellata in ogni sfumatura vocale e attorale, sia nei momenti di alta tensione drammatica che di raccolto intimismo. Bene, inoltre, il resto della compagnia, con Giorgio Giuseppini in bella evidenza quale Timur, dal canto intenso e timbrato; gli affiatati e precisi Ping (Federico Longhi), Pong (Francesco Pittari) e Pang (Marcello Nardis) dalle note comiche tinte di noir; e i corretti Antonello Ceron (Altum), Gianluca Breda (Mandarino) e Ugo Tarquini (Il Principe di Persia). Ottimo il Coro della Fondazione preparato da Vito Lombardi e bene pure quello di Voci Bianche A.d’A.MUS. diretto da Marco Tonini. Applausi scroscianti per tutti da parte del foltissimo pubblico.Repliche fino al 26 luglio. (Franca Barbuggiani)
Articolo articolo  Storico storico Stampa stampa
 
Nessun commento trovato.

Anti-Spam: digita i numeri CAPTCHA
Testo (max 1000 caratteri)
Nome
email


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.


^ Torna su ^

Cerca tra le notizie
 
gsk
Pillole
top
left euposia right
bottom
Titolo
Archiviati per sezione:
Agricoltura (142)
Ambiente (762)
Appuntamenti (69)
Arte (218)
Attualità (861)
Boomerang (2)
Bulldog (30)
Costume (2)
Cronaca (1464)
Cultura (210)
Economia (1038)
Happy hour (122)
Inchiesta (15)
Musica (3)
Pecora Nera (15)
Politica (523)
Pungitopo (1)
Quattro chiacchiere (8)
Redazione (2)
Salute (34)
Sanità (978)
Scuola (219)
Sogno o son destro? (110)
solidarietà (372)
Sparagli Piero (42)
Spettacoli (857)
Spin Doctor (63)
sport (154)
Tempo libero (106)

Archiviati per mese:
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006

L'Adige - Archivio numeri arretrati
top
left pillole right
bottom
Titolo  
L'ADIGE di Verona

Autorizz.Tribunale C.P. di Verona
nr. 1356 del 16/3/99
Iscrizione al Registro Nazionale della
Stampa n. 8857 del 15/12/2000

CONTESTO EDITORE scarl
Palazzo Ravignani - Via Frattini, 3
37121 Verona

Presidente e Direttore Responsabile:
Beppe Giuliano
Caporedattore:
Nicoletta Fattori

Redazione e Pubblicità:
Via Frattini, 3 - 37121 Verona
Tel. 045 8002685
Fax 045 596242
Per l’invio di comunicati stampa:
desk@giornaleadige.it

 

Feed XML RSS 0.91
Feed XML Atom 0.3

Valid XHTML 1.0 / CSS top