www.giornaleadige.it

 

homepage : articolo : stampa
Unioncamere-Eurosportello Veneto e Pave insieme per l'ambiente
di Redazione Web (del 29/08/2007 @ 17:31:20, Sezione Ambiente )
L’acqua come elemento di vita, l’acqua come investimento per ampliare il proprio business nei mercati europei. In questo contesto, Unioncamere – Eurosportello del Veneto promuove la partecipazione delle imprese italiane a PAVE Vilnius2007, evento di partenariato internazionale in programma a Vilnius (Lituania) dal 3 al 5 ottobre 2007 e aperto alla partecipazione di aziende ed organizzazioni che operano nel settore del trattamento delle acque. In particolare, trattamento e gestione delle acque potabili, trattamento e gestione delle acque reflue, trattamento dei fanghi, fornitura idrica, apparecchiature, soluzioni e tecnologie per il trattamento delle acque. L’iniziativa, che si inserisce all’interno del progetto europeo PRINCESS finanziato dalla Commissione europea e di cui Unioncamere – Eurosportello Veneto è partner, prevede quattro eventi dedicati ai temi dell’ambiente e delle tecnologie ambientali (acque, rifiuti, energia e energia da biomassa). A PAVE Vilnius2007 parteciperanno 200 aziende provenienti da 16 diversi Paesi europei (Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Grecia, Italia, Lituania, Norvegia, Polonia, Regno Unito, Slovacchia, Slovenia, Svezia e Ungheria) cui sarà offerta la possibilità di fare incontri personalizzati, finalizzati all’avvio di accordi di cooperazione commerciale, finanziaria e tecnica. Gli incontri saranno per le aziende una concreta opportunità per entrare in contatto con nuovi potenziali acquirenti, fornitori e collaboratori. La Lituania è oggi un mercato in espansione. Tra il 2000 e il 2006 ha fatto registrare uno tra i più alti tassi di crescita economica, con un aumento medio in termini di Pil pari all’8% e le previsioni parlano di un ulteriore aumento. Tra i settori che necessitano di sostanziali investimenti c’è proprio quello della fornitura idrica. Attualmente solo il 70% dei lituani può disporre di una fornitura di acqua potabile e trattata, mentre l’altro 30% utilizza l’acqua dei pozzi di qualità molto bassa. Solo il 66% delle acque reflue è raccolto e trattato. Ad ulteriore dimostrazione dell’interesse dimostrato per il settore, il Governo lituano ha stanziato circa un miliardo di euro per gli investimenti e la modernizzazione nel settore della fornitura e del trattamento delle acque reflue. Per informazioni e registrazioni consultare il sito del progetto www.trademeeting.com La data di scadenza per la registrazione è il 3 settembre. Da quel momento e fino al 17 settembre i partecipanti potranno scegliere nel catalogo online le aziende da incontrare. Il costo della partecipazione varia dai 100 ai 200 euro a persona a seconda delle dimensioni dell’azienda.

 

 giornaleadige.it © Copyright 1999-2018 Tutti i diritti riservati. - Privacy