www.giornaleadige.it

 

homepage : articolo : stampa
“Young&Healthy 2011: Love yourself”. Federfarma Verona contro anoressia e bulimia
di Redazione Web (del 27/05/2011 @ 15:37:00, Sezione Salute)

Oggi, nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, l’assessore alle politiche giovanili Marco Luciani ha presentato l'iniziativa “Young&Healthy 2011: Love yourself”, realizzata da Federfarma Verona in collaborazione con la sezione veronese di ABA (Associazione bulimia e anoressia). Erano presenti: Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona; Elena Vecchioni, vicepresidente di Federfarma Verona e responsabile insieme a Federica Oreglia del progetto Educazione alla salute di Federfarma Verona; Claudia Bartocci, responsabile ABA Verona; Marcello Schiavo, dirigente scolastico Liceo Scientifico Fracastoro e Mauro Murino, dirigente scolastico ITS Marco Polo. L'evento si terrà lunedì 30 maggio a partire dalle ore 9 presso l’Auditorium Caprioli del Liceo Scientifico G. Fracastoro di via Moschini n. 11/A. L’iniziativa socio-sanitaria “Young&Healthy 2011: Love yourself”, realizzata da Federfarma Verona, l’Associazione dei titolari di farmacia in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale di Verona e la sezione veronese di ABA, Associazione bulimia e anoressia, è patrocinata dalla Provincia di Verona. Lo scopo è di incrementare la cultura di una corretta alimentazione nei giovani, contro gli eccessi di anoressia e bulimia. Per l’occasione è stato inoltre realizzato un opuscolo rivolto agli studenti che contiene utili informazioni socio sanitarie legate al rapporto con il cibo. Parteciperanno in tutto 200 alunni di 10 classi: cinque classi 2° del Liceo Fracastoro e cinque classi 1° dell’Istituto Tecnico Statale Marco Polo di Verona. All’incontro con gli studenti sarà presente anche Anna Lisa Tiberio referente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Verona. Luciani: “E' ormai alcuni anni che Federfarma Verona e ABA si impegnano per un'iniziativa molto importante svolgendo un ruolo prezioso di educatori sanitari nelle scuole: cercano cioè di insegnare agli adolescenti corretti stili di vita per prevenire patologie causate da un'alimentazione sbagliata. Anche i disturbi alimentari sono problematiche frequenti e molto sentite tra i ragazzi. In particolare le ragazzine spesso non riescono ad accettare i difetti del loro corpo e credono che, smettendo di mangiare, si possa raggiungere la perfezione: è un'idea sbagliata che deve essere combattuta”. Bacchini: “Il ruolo di educatore sanitario era, fino a pochi anni fa, svolto unicamente nelle farmacie. Oggi, invece, sono soprattutto le scuole che si preoccupano di mostrare ai ragazzi i giusti modelli ai quali si devono attenere. I farmacisti, nonostante ricoprano un ruolo istituzionale, vengono tuttora visti dagli studenti come persone con cui confidarsi e con cui non provare vergogna. I giovani rappresentano il futuro della nostra società ed è quindi importante avere dei punti di riferimento come gli educatori sanitari”. Schiavo: “Il tema dell'educazione alla salute si è consolidato negli ultimi anni nelle scuole. I problemi relativi all'alimentazione non emergono facilmente, i ragazzi che soffrono di questi disturbi rimangono spesso in silenzio ed è quindi difficile aiutarli. Ecco perchè il ruolo degli educatori sanitari è fondamentale: permette infatti ai giovani di confidarsi e di affrontare il disagio, evitando di isolarsi e di sprofondare nella solitudine”.

 

 giornaleadige.it © Copyright 1999-2019 Tutti i diritti riservati. - Privacy