www.giornaleadige.it

 

homepage : articolo : stampa
Veronafiere trand in crescita
di Redazione Web (del 13/12/2011 @ 15:41:31, Sezione Economia)
Veronafiere prosegue il proprio percorso di crescita e sviluppo, nonostante il protrarsi delle difficili condizioni di mercato che, da tempo, sta influenzando negativamente l’intero comparto fieristico internazionale. Grazie a un’attenta gestione delle risorse, al continuo processo di innovazione dei format e agli investimenti infrastrutturali sul quartiere fieristico, Veronafiere dal 2009 si conferma uno dei principali player italiani del settore e si appresta a chiudere, per il terzo anno consecutivo, il bilancio in utile e in linea con le previsioni di inizio anno. Il preconsuntivo dell’esercizio 2011 si attesterà infatti a 84 milioni di Euro, con un Margine Lordo della Gestione pari a 12,1 milioni di Euro e un utile netto di 1,61 milioni di Euro: Veronafiere si conferma così primo organizzatore diretto di manifestazioni in Italia, secondo per giro d’affari e tra i primi in Europa. Il bilancio preconsuntivo evidenzia infatti il ruolo chiave dell’Ente che, anche nel 2011, ha continuato a incrementare, unico tra i principali operatori fieristici italiani, la propria quota di mercato relativa che passa dal 12,5% al 16,6%. I risultati preconsuntivi registrati assumono ulteriore valore se letti alla luce del fatto che Veronafiere, a differenza degli altri principali enti fieristici nazionali, non ha beneficiato di alcun contributo straordinario come quelli erogati dai sistemi territoriali in termini di aumenti di capitale e finanziamenti per la realizzazione delle infrastrutture. Nel 2011 Veronafiere ha promosso 50 manifestazioni, 38 delle quali a Verona e 12 all’estero; sono stati venduti più di 790 mila metri quadrati netti; sono stati ospitati oltre 1 milione 200 mila visitatori, 165 mila dei quali provenienti dall’estero (per le rassegne internazionali l’incidenza dei visitatori esteri ha avuto una media pari al 25%, con punte superiori al 50% del totale), e più di 14 mila espositori, di cui 2.700 esteri. L’attività congressuale ha registrato 376 appuntamenti che hanno visto la presenza di 75 mila operatori. Nel 2011, inoltre, coerentemente con il business plan 2010-2012, Veronafiere ha destinato 10 milioni di Euro agli investimenti, per lo più impiegati per lo sviluppo qualitativo del quartiere, l’adeguamento delle strutture ed interventi per la sicurezza. «Siamo molto soddisfatti dei risultati del 2011, soprattutto perché raggiunti in un anno quanto mai difficile per l’economia e, proprio per questo, riteniamo rappresentino un esempio di eccellenza italiana. Veronafiere si conferma leader nell’organizzazione diretta di manifestazioni nel nostro Paese. Abbiamo puntato su innovazione dei format espositivi, che ci permettono di essere ancora più competitivi, su uno sguardo costante oltre confine e, naturalmente anche su un’attenta gestione delle risorse senza tuttavia mai trascurare gli investimenti infrastrutturali – dichiara Ettore Riello, Presidente di Veronafiere – Oggi i risultati di bilancio previsionale ci confermano che tutto questo è alla base di una ricetta vincente e saranno i medesimi capisaldi anche alla base del business plan 2012-2015». «Nel 2011 abbiamo riposizionato e rilanciato alcuni eventi con risultati positivi immediati, sia in termini di espositori che di pubblico, come ad esempio Abitare il Tempo 100% Project e Fieracavalli. Il coraggio di cambiare è stato premiato e ci ha permesso di chiudere l’anno in linea con il budget - afferma Giovanni Mantovani, Direttore Generale di Veronafiere – con record di espositori e visitatori sui nostri eventi principali, come Vinitaly e Marmomacc, che rafforzano ulteriormente la loro leadership. Il calendario 2012 prevede inoltre interessanti novità tra cui la biennale Fieragricola, in febbraio che sta registrando un ottimo andamento delle pre-iscrizioni con particolare riguardo alla meccanica agricola, e la triennale Eurocarne, a maggio. Avremo l’esordio, inoltre, del nuovo format di Vinitaly che inizierà domenica 25 per concludersi mercoledì 28 marzo ed avrà quale anteprima in città, sabato 24 marzo, Opera Wine, il Grand Tasting di 100 tra i migliori vini italiani selezionati da Wine Spectator. Ma è sul fronte estero che giocheremo alcune della partite più importanti, con la messa a regime della società in India che inizia l’operatività e il radicamento, dopo Hong Kong per il wine&food, in Brasile per il settore marmo lapideo e delle tecnologie. Punto fermo rimangono gli USA e tutte le iniziative riguardano non solo il wine&food, ma anche le tecnologie agricole ed alimentari e il settore del building che include il marmo lapideo». Nel calendario 2012 si segnalano anche le novità assolute dell’Anteprima Classica Motori – Salone dell’Auto e Moto Storiche (3/4 marzo) e del Metef-Foundeq, fiera leader internazionale, a cadenza biennale, dedicata all’industria dell’alluminio, dei metalli tecnologici e delle macchine ed attrezzature per la fonderia, la cui 9^ edizione sarà in programma a Verona dal 18 al 21 aprile in concomitanza si svolgerà anche la rassegna Metariciclo – Recomat, Fiera del riciclo industriale (materiali ferrosi e non ferrosi). Dal 19 al 21 aprile, esordirà anche Classical Music World, la prima fiera-manifestazione sulla musica classica a 360° che si prefigge lo scopo di “sdoganare” il concetto che questo ambiente sia destinato a pochi eletti per raggiungere in modo assolutamente innovativo, oltre al pubblico dei professionisti e appassionati, anche quello dei giovani.

 

 giornaleadige.it © Copyright 1999-2017 Tutti i diritti riservati. - Privacy