www.giornaleadige.it

 

homepage : articolo : stampa
Focus su artrite psoriasica, gotta e osteoporosi
di Redazione Web (del 10/04/2013 @ 18:27:34, Sezione Appuntamenti)
Evoca banchetti sontuosi ambientati nel passato e personaggi potenti e gaudenti come Enrico VIII o Piero Cosimo De Medici (detto il Gottoso). Ma la gotta, un'artrite infiammatoria causata dall'eccesso di acido urico che va a depositarsi sotto forma di cristalli nelle articolazioni e non solo, è una malattia reumatica riemergente di cui in Italia soffrono circa un milione di persone. L'alimentazione scorretta e l'eccesso di alcol (in particolare della birra) sono solo alcune delle cause, in quanto spesso è dovuta a ragioni genetiche o all'assunzione di determinati farmaci, come i diuretici, che impediscono la corretta eliminazione dell'acido urico. Pur essendo tra le artropatie maggiormente curabili, molto spesso è tardivamente diagnosticata. Un “destino” che accomuna le malattie reumatiche considerate ancora oggi un inevitabile deterioramento delle articolazioni dovuto alla vecchiaia. In realtà colpiscono una parte rilevante di persone in età giovanile e nel pieno dell’attività lavorativa: si stima che ne soffrono il 18% della popolazione dai 19 ai 60 anni e che il 27% delle pensioni di invalidità sono dovute a queste patologie. Complessivamente i malati reumatici in Italia sono 6 milioni (ma se si aggiungono coloro che sono colpiti da artrosi e osteoporosi si superano abbondantemente i 10 milioni), per un costo socio-assistenziale superiore ai 20 miliardi di euro all’anno, di cui 1/3 a carico del Servizio sanitario nazionale, tra indagini diagnostiche e costo dei farmaci, e i rimanenti dovuti alla perdita di produttività. Il convegno “Focus su artrite psoriasica, gotta e osteoporosi”, in programma sabato 13 aprile all’ospedale Sacro Cuore-Don Calabria di Negrar, ha lo scopo di coinvolgere i medici di medicina generale per far sì che il riconoscimento e la diagnosi di queste patologie avvenga in tempi rapidi per ridurre al minimo la sofferenza dei pazienti, garantire ad essi una buona qualità di vita (grazie alla disponibilità anche di nuovi farmaci, come i biologici) e le gravose conseguenze sul piano sociale ed economico L’appuntamento annuale è promosso dal Servizio di Reumatologia dell’ospedale Sacro Cuore-Don Calabria di Negrar, diretto dal dottor Antonio Marchetta, e vedrà la partecipazione dell'assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto. Della gestione integrata del malato reumatico si occuperà una tavola rotonda all’interno del convegno alla quale siederanno un reumatologo, un medico di medicina generale, un infermiere e un fisioterapista. In sala “Fratel Perez” dell’ospedale calabriano si parlerà anche di artrite psoriasica, una malattia reumatica infiammatoria emergente che colpisce il 15-20% delle persone affette da psoriasi, e della più nota osteoporosi. Inoltre la professoressa Lisa Bambara, fondatrice della scuola veronese di Reumatologia e consulente del Servizio di Negrar, tratterà del fenomeno di Raynaud, molto comune in particolare tra la popolazione giovanile e femminile, che si manifesta con le caratteristiche mani bianche “dita morte”, e che, contrariamente a quanto si pensa, non è una conseguenza inevitabile alle basse temperature, ma può essere molto spesso, sintomo di esordio di una malattia reumatica.

Ospedale Sacro Cuore-Don Calabria di Negrar
 
“Focus su artrite psoriasica, gotta e osteoporosi”
VII seminario di Reumatologia in Valpolicella
 
Sabato 13 aprile sala convegni “Fratel Perez” dalle 8.30
 

 

 giornaleadige.it © Copyright 1999-2019 Tutti i diritti riservati. - Privacy