www.giornaleadige.it

 

homepage : articolo : stampa
Omaggio alla "Paul Taylor Dance Company "
di Redazione Web (del 18/08/2018 @ 17:50:17, Sezione Spettacoli)
Erano gli anni ’70 quando Paul Taylor, danzatore e coreografo sulla breccia dell’avanguardia fin dai primi anni ’50 (è del 1954 il nucleo originario di quella che diventerà la famosa Paul Taylor Dance Company, per il quale egli scriverà le sue prime coreografie, ancora ballerino solista nel gruppo di Martha Grahm e musa ispiratrice di Balanchine per un assolo a lui dedicato) creava “Cloven Kingdom” (1976). Tra i temi ispiratori d Taylor, c’è il rapporto tra uomo e natura, l’indagine sulla essenza profonda dell’animo umano, l’amore e il sesso, i momenti clou della storia della sua nazione…, espressi in uno stile irriverente e iconoclasta, che sa però anche lasciare spazio a componenti romantiche e divertenti. “Cloven Kingdom”, con cui al teatro Romano si è aperto l’omaggio che l’Estate Teatrale Veronese ha riservato alla Paul Taylor Dance Company (17-18 agosto) è innervata soprattutto, appunto, di iconoclastia. Un’iconoclastia graffiante e impietosa verso un’umanità apparentemente perbene, in costumi rigorosamente bon ton (frac, per gli uomini; abito lungo, per le signore) tra sofisticate eleganze gestuali che celano, in realtà, una natura animalesca violenta, camuffatamente mite, eccessiva, spesso assemblata in grovigli corporei grotteschi. Ma anche venata di humour e di ironia (quegli improbabili copricapo tecnologici e avveniristici, disumanizzanti ma anche catturanti e riflettenti luce) nei confronti di stilemi del passato, come sottolinea anche l’alternanza di musiche di un tempo e di autori d’ oggi, quali Angelo Corelli, Henry Cowell e Malloy Miller. Un genere di iconoclastia che, forse, nel 2018 può sembrare un po’ datata, ma che resta una importante testimonianza dei fermenti e degli umori che animavano gli ambienti artistici più di punta dell’epoca. Di circa una ventina d’anni più tardi è “Piazzolla Caldera” (1997) su musiche di Astor Piazzolla e Jerzy Peterburshsky, seconda creazione della trilogia dedicata a Paul Taylor. Stavolta gli strali della dissacrazione sono puntati sul tango e sull’umanità che vi gravita attorno. Secondo Taylor, una fauna umana sostanzialmente di predatori sessuali, in tutte le sue variegate declinazioni. I modi sono fortemente acrobatici, il clima ammiccante e lascivo, nella “milonga” allusa dalle lampade piatte pendenti dall’alto e delimitata da un allusivo fondale rosso. Infine, molto poetica ci è sembrata la coreografia che ha concluso in bellezza lo spettacolo, “Promethean Fire”. Creata nel 2002 su commissione dell’American Dance Festival all’indomani dell’11 settembre, in realtà il lavoro va oltre lo specifico tragico evento che lo ha motivato, per allargarsi a una visione più universale, in cui lo spirito umano lotta e resiste alle avversità, scoprendo i valori della solidarietà e l’esistenza di dimensioni che vanno oltre il contingente. Il tutto (Balanchine insegna, anche se Taylor non si ferma al solo aspetto tecnico-formale) in una sintassi totalmente compenetrata con la struttura musicale dei brani bachiani scelti (“Toccata e fuga in re minore”, “Preludio in mi bemolle minore” e “Preludio corale BWV 680”) che nella loro sublime rimuginante ripetitività assurgono a metafora di indomita caparbietà a esistere e non demordere. Pubblico, anche se non molto numeroso, entusiasticamente plaudente. (Franca Barbuggiani)

 

 giornaleadige.it © Copyright 1999-2019 Tutti i diritti riservati. - Privacy