www.giornaleadige.it

 

homepage : articolo : stampa
La campagna elettorale parte da mamma Rai
di Redazione (del 18/02/2006 @ 09:04:00, Sezione Pecora Nera)
Perfino Sandro Curzi, l’ex capo indiscusso di TeleKabul e ora consigiere d’amministrazione Rai, ha capito che Alfredo Meocci ha nel mirino palazzo Barbieri. Lo ha detto chiaro e tondo, Curzi, facendo tra l’altro notare come “da quando l’ex deputato veronese siede alla direzione generale la Rai ha cominciato a guardare con particolare interesse alla città scaligera”. Qualche esempio? Secondo  il quotidiano La Repubblica i tg Rai si sono occupati, per esempio, della mostra di Alik Cavaliere a palazzo Forti, del concerto di Gala della Fondazione Arena, e di eventi e manifestazione che magari con chiunque altro sulla poltrona di direttore generale non sarebbero mai state prese in considerazione dai tg nazionali. Ma Curzi si spinge anche oltre, e parla di “dieci interviste in nemmeno tre mesi rilasciate da Meocci al telegiornale del Veneto, senza contare le apparizioni a Rockpolitik, e il tutto nonostante i consigli a non apparire da parte della Commissione parlamentare di vigilanza”. E siccome tre indizi fanno una prova, dicono, allora il motivo di tanto darsi da fare potrebbe essere uno solo: ovvero l’ambizione nemmeno tanto nascosta dell’attuale direttore generale, che dalle stanze di mamma Rai vorrebbe passare direttamente a quelle di palazzo Barbieri dopo le amministrative del 2007. Del resto proprio Meocci, qualche giorno fa, ha firmato il contratto con cui la Provincia darà in concessione per nove anni alla Rai l’immobile di piazzetta Capretto, in pieno centro, per trasformarlo in studio televisivo, operativo da marzo. «Verona è uno snodo fondamentale per l’informazione - ha sottolineato nell’occasione Meocci -. Era il momento di istituzionalizzare questa reatà». E chissà se qualcuno ha avvisato Curzi delle apparizioni di Meocci sulle tivù locali...

 

 giornaleadige.it © Copyright 1999-2018 Tutti i diritti riservati. - Privacy