Direttore Beppe Giuliano
Settimanale di Verona
RSS di - ANSA.it Cecilia Rodriguez fuori dal GF Vip ed è boom di ascolti - Nuova veste grafica per Repubblica - In tv torna Ducktales con nuova serie - Berlusconi: 'Sarò comunque in campo per vittoria alle urne' - Mugabe, resa dopo 37 anni: «Mi dimetto» Festa in piazza: foto|Video-La reggia - Gabanelli torna al «Corriere»: inchieste e approfondimenti  in pillole video quotidiane - Pensioni, platea Ape social più ampia: 15 le categorie di lavori gravosi  Cgil: «Un’occasione persa» - Gramellini nella redazione del Corriere a Torino: «Lamentele per il sorteggio Ema? Io dico: sorteggiamo tutto» Il video - -1 giorno. Domani la nuova Repubblica - Zimbabwe, 37 anni di 'regno': finisce l'era Mugabe - La Russia ora conferma la nube radioattiva - Molestie, il capo della Pixar John Lasseter lascia per sei mesi: "Chiedo scusa" -
Euler Hermes


homepage : storico per mese (inverti l'ordine)
Elenco articoli pubblicati (in ordine cronologico)

di Redazione Web (del 28/05/2016 @ 17:40:16, Sezione Cultura)
Da oggi è riaperto al pubblico il rinnovato Museo Archeologico al Teatro Romano, che fino al 30 giugno sarà visitabile da turisti e cittadini alla tariffa promozionale di 1 euro. La presentazione alla stampa del nuovo complesso museale, totalmente rinnovato e ampliato, si è tenuta oggi, alla presenza del Sindaco Flavio Tosi, del presidente di Fondazione Cariverona Alessandro Mazzucco, dell'assessore regionale al Territorio e alla Cultura Cristiano Corazzari e delle massime autorità cittadine. Il progetto di ristrutturazione, costato oltre 5 milioni di euro, ha consentito di recuperare 350 mq di spazio espositivo; gli allestimenti museografici e grafici accolgono e mettono in risalto la preziosità di oltre 600 reperti. “Grazie alle risorse di Regione Veneto e Fondazione Cariverona - ha detto il Sindaco Tosi - si è realizzato un intervento di altissimo ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 28/05/2016 @ 17:37:54, Sezione Cultura)
Anche quest’anno, grazie ad una convenzione fra il Comune di Verona e Legambiente, le Arche Scaligere saranno aperte al pubblico durante il periodo estivo, a partire da mercoledì 1° giugno fino al 30 settembre. A garantire l’apertura e un punto informazioni sul monumento, uno fra i più importanti esempi di arte gotica in Italia, saranno i volontari di Legambiente Verona.
Le Arche Scaligere saranno visitabili da martedì a domenica dalle ore 10 alle 13 e dalle 15 alle 18; giorno di chiusura lunedì. Il prezzo del biglietto è di 1 euro; l’ingresso è gratuito per i possessori della Verona Card.
L’ingresso nel recinto delle tombe monumentali della famiglia Della Scala, che esercitò la signoria su Verona dal 1277 al 1387, consente al visitatore un punto di vista inedito sulla bellezza gotica delle grandi arche di Mastino II della Scala (morto nel 1351) e del figlio Cansignorio della Scala (morto nel 1375), e sui significati delle sculture che le compongono, figure che glorificano i defunti ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Marco Marturano

Certe volte la politica e i giornalisti si innamorano di tesi che cercano in tutti i modi di sostenere a spada tratta a metà tra autocompiacimento e propaganda. Tesi che poi nella realtà si rivelano più leggende metropolitane che interpretazioni della realtà.
Una delle tesi di cui si è innamorato più di un commentatore e più di un politico è quella della scelta del Presidente del Consiglio e segretario del PD di mettersi immediatamente in sella alla bicicletta che lo deve portare a vincere il Giro d'Italia del Referendum sulla riforma costituzionale.
Scelta che secondo le leggende metropolitane sarebbe stata adottata lucidamente per creare un alibi utile a parare i colpi di possibili sconfitte alle elezioni amministrative del 5 e 19 giugno. Al servizio di questa tesi i "maghi otelma" di turno avrebbero chiamato presunte distanze e mancate partecipazioni del Presidente del Consiglio stesso nelle campagna elettorali per le amministrative e in particolare per quelle più tese.
E ancora sempre a sostegno della tesi dello scaricamento dei candidati sindaci a vantaggio del referendum gli aruspici hanno teorizzato che l'ingresso del referendum nel dibattito preelettorale per i comuni al voto sarebbe già da solo un contributo alla sconfitta in alcune partite dove la politicizzazione rischierebbe di distrarre dal merito locale delle campagne e compattare un ampio fronte antirenziano che si unirebbe sotto la bandiera del no al referendum più che contro i sindaci del pd.
Tutto questo, come volevasi dimostrare, salta nel momento in cui per cominciare il Presidente del Consiglio non solo si rimbocca le maniche, come ha fatto negli ultimi giorni, e si mette mediaticamente al lavoro per sostenere i candidati del centrosinistra, ma soprattutto avvia una precisa e puntuale agenda di un tour a sostegno degli stessi nelle partite più significative con il quale occuperà una parte non irrilevante del suo tempo e delle sue energie negli ultimi giorni prima del voto del 5 giugno e nondimeno in quelli che precederanno il ballottaggio del 19 giugno.
 Inoltre e soprattutto quello che hanno dimostrato le ricerche di opinione nelle ultime settimane è che alla apertura della campagna referendaria è corrisposto un effetto immediato di incremento di mobilitazione politica, misurata nella disponibilità crescente alla partecipazione elettorale al voto del 5 giugno. ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 27/05/2016 @ 14:33:21, Sezione Sanità)
Il Progetto di Screening nella popolazione pediatrica in età scolare nelle aree di Verona (in 15 scuole della provincia) e Ancona, per una diagnosi precoce della celiachia (intolleranza al glutine), attivato nel 2015 in cofinanziamento con la Fondazione Cariverona, è giunto alla metà del suo percorso evidenziando una quota di bambini celiaci sorprendentemente elevata ovvero cinque volte superiore a quella conosciuta. Si tratta di uno studio pluricentrico, mai eseguito in precedenza con queste caratteristiche, ovvero realizzato con l’effettuazione, nell’ambito delle scuole primarie, di un prelievo di una goccia di sangue dalla punta del dito di migliaia di bambini (2.500 a Verona e altrettanti ad Ancona, per un totale di 5.000) e la cui conclusione è prevista alla fine del 2016. Lo scopo è quello di valutare la reale prevalenza della celiachia nella popolazione e conoscere la personale predisposizione a sviluppare la celiachia nel corso della vita. Sotto la direzione di Mauro Cinquetti, primario Pediatra Ulss 20 e Responsabile del Progetto Celiachia (in qualità di segretario regionale della Società italiana di Gastroenterologia pediatrica), il personale ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 27/05/2016 @ 09:51:41, Sezione Sanità)
Nell’ultimo periodo quattro farmacie veronesi, sono state prese d’assalto da bande di rapinatori. Federfama Verona dichiara di essere molto allarmata per la deriva criminale nei confronti delle farmacie in tutta la provincia e proprio alla luce dei recenti fatti rende noto di avere chiesto la disponibilità di un incontro con le Forze dell’Ordine, Prefetto, Questore e Comandante Provinciale dei Carabinieri di Verona, con l’obiettivo di individuare insieme possibili strategie da intraprendere per contrastare questi eventi estremamente preoccupanti. Particolare allerta viene registrata dai farmacisti nei quartieri periferici della città e nei paesi dove, oltretutto, molto spesso la farmacia è l’unico e fondamentale presidio sanitario sul territorio, quindi punto di riferimento per l’intera comunità. L’obiettivo è quello di affrontare insieme la drammatica realtà e realizzare tra l’altro, se possibile, uno specifico corso di formazione per i titolari e i collaboratori di farmacie, nonché attivare strategie in stretta collaborazione con le Forze dell’Ordine. Tra le politiche in atto l’imminente rinnovo di una convenzione già in essere con la Prefettura di Verona, l’ulteriore installazione di apparecchiature di controllo antirapina e video sorveglianza per le farmacie. Attualmente sono molte le farmacie che dispongono di sistemi di tutela come antifurto ed impianti di videosorveglianza che ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
Le case di riposo, sia pubbliche che private, accolgono pazienti sempre più gravi, visti i tempi di degenza molto ridotti nelle strutture ospedaliere. Per questo, l'Istituto Assistenza Anziani di Verona, che copre circa il 33% del fabbisogno di ricovero della cittadinanza anziana, oggi pomeriggio ha tenuto un corso di formazione altamente specializzato al Centro Monsignor Carraro in lungadige Attiraglio, incentrato su come affrontare le emergenze cliniche che nascono appunto nelle case di riposo. «Siamo ridotti a dover contare quello che viene dato economicamente, applicando il massimo della concretezza» ha dichiarato la presidente dell'Istituto Anna Maria Leone, invitando chi deve dare risposte a stare con i piedi per terra. «Serve un cambio culturale per capire definitivamente che il fondo nazionale per la non autosufficienza non basta. I risparmi vanno fatti in altre voci, per rimettere al centro le politiche sociali. La civiltà di un Paese si misura anche dal garantire un fine vita dignitoso alle persone». Dal 2013 i pazienti non autosufficienti accolti a Villa Monga e nelle altre sedi dell'Istituto sono cresciuti sempre di più, tanto che oggi sono addirittura 580. Soltanto 100 sono invece autosufficienti. Allo stesso tempo, se fino al 2013 il 95% dei pazienti era aiutato da fondi regionali, ora solo il 70% dei pazienti riceve l'impegnativa sanitaria, costringendo le case di riposo ad aumentare la retta. Sottolinea Leone: «Non mancano i posti letto, ma i fondi. Per ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 24/05/2016 @ 10:37:55, Sezione Politica)
Di questo e altro si parlerà nell'incontro con il professor Umberto Curi mercoledì 25 sera alle ore 20.45 presso l'Associazione dei Sardi in via Bionde 61 a Forte Chievo, Verona. Curi ha da poco pubblicato per Castelvecchi il suo ultimo libro "I figli di ares. Guerra infinita e terrorismo" nel quale analizza il legame che esiste tra nuovo ordine mondiale, iniqua distribuzione della ricchezza, fenomeni migratori e terrorismo come risposta al cambiamento radicale della morfologia della guerra.
«Bisogna liberarsi dai vizi dell'opportunismo, della retorica e della superficialità -afferma Curi - per capire cosa sta succedendo». E non è facile. Gli straordinari cambiamenti in atto e le sfide che essi propongono mettono a dura prova le vecchie impostazioni politiche e organizzative. Gli strumenti tradizionali della politica, i partiti per primi ma non solo, sono travolti da una crisi profonda e la loro credibilità é ai minimi termini.
Anche per queste ragioni un gruppo di persone ha deciso di costituire l’Associazione “Sinistra XXI Secolo” per trovare -in un luogo organizzato di ricerca, di studio e di azione- impostazioni e strumenti nuovi, lavorando su idee che rappresentino le aspirazioni di libertà, equità, legalità, solidarietà, con una lettura politica alternativa a quella attuale oggi prevalente. L'incontro con il professor Curi e la discussione del suo molto interessante ultimo libro è una prima occasione di riflessione su grandi temi e segna il battesimo della nuova Associazione "Sinistra XXI Secolo" .
A  condurre l'incontro con il proessor Curi sarà Roberto Fasoli tra i promotori dell'Associazione. [//[Sarà possibile acquistare il libro.
Umberto Curi  è Professore Emerito di Storia della Filosofia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Padova, presso la quale ha presieduto anche il corso di laurea in Filosofia. Ha diretto per oltre vent'anni la Fondazione culturale “Istituto Gramsci Veneto” ed è stato anche per un decennio membro del Consiglio Direttivo della Biennale di Venezia .E’ autore di numerosi studi su questo e altri temi
Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
(di Marco Marturano)

Don Don. Suona la penultima campana prima dell’ultimo round delle lunghe e intense campagne elettorali per i Comuni che celebreranno il loro primo momento della verità. L’ultimo round sono le due decisive settimane che ci portano al 5 giugno dove tanti destini faranno i conti con i numeri veri delle urne elettorali.
Ma prima di arrivarci a giocarsi quel round molti candidati sindaco sono alle prese con questi giorni che precedono l’ultimo miglio e nei quali scatta il mitico black out nella pubblicazione dei sondaggi che indicano la rotta per giocarsi appunto la corsa verso il traguardo del primo turno.
Viene quindi facile cogliere questa opportunità per scorrere le previsioni per il 5 giugno su decine di siti e di quotidiani prima che AGCOM impedisca di vedere numeri di sondaggi su qualsiasi mezzo di comunicazione di massa.
E leggere questi numeri oggi ci porta ad una grande scoperta che supera qualsiasi specificità tra Napoli e Torino, tra Trieste, Bologna o Cagliari.
E’ la scoperta che almeno nelle grandi città siamo entrati in una fase storica per i sindaci italiani decisamente diversa. E’ la fase in cui il sindaco uscente in corsa per il secondo tempo della sua partita per cambiare la città è tendenzialmente costretto a giocarsi la campagna per la rielezione quantomeno al ballottaggio. Certo, la legge delle amministrative con l'elezione diretta del Sindaco e con il ballottaggio ci piace talmente tanto che ha ispirato anche l’Italicum con il quale voteremo nelle prossime elezioni politiche.
Ma questa legge per le amministrative sin dalla sua prima applicazione nel 1993 aveva sostanzialmente prodotto un suo corollario.
Ovvero che il sindaco che si ricandida, quello che gli americani chiamano l’”incumbent”, è il netto favorito della sua seconda campagna. Al punto da essere quasi sempre eletto al primo turno o largamente al ballottaggio. E potremmo citare tanti nomi a sostegno di questa regola implicita dal 1997 (seconda elezione con la legge del 1993) al 2015.
Oggi questa regola è entrata in crisi.
La maggior parte dei sindaci in corsa per il secondo mandato sono indicati dai sondaggi al ballottaggio e non proprio sempre con secondi turni semplici e scontati. Insomma non funziona più in modo automatico il vantaggio di posizione che ha fatto largamente rieleggere Massimo Cacciari, Francesco Rutelli, Enzo Bianco, Leoluca Orlando, Antonio Bassolino, Falcomatà (padre), Gabriele Albertini e poi ancora Flavio Tosi, Flavio Zanonato, Sergio Chiamparino, Marco Filippeschi, Pericu, Leonardo Domenici, Riccardo Illy e molti altri.
E la regola dell’”incumbent” favorito era talmente evidente che metteva ancora più in risalto la legge opposta per il Parlamento, con le maggioranze che dal 1994 ad oggi non sono mai state vincenti per due elezioni consecutive (Berlusconi, Prodi, Berlusconi, Prodi, Berlusconi, Bersani/Letta/Renzi).
Perché è cambiato il vento per molti sindaci al secondo giro? ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 24/05/2016 @ 09:12:25, Sezione sport)
Andrea Vesco e Andrea Guerini con 51.542 punti, alla guida di un’Alfa Romeo 6C 1750 GS Zagato del 1931, sono i vincitori della Mille Miglia 2016, la corsa su strada più celebre di ogni tempo che si è conclusa domenica sul traguardo di viale Venezia a Brescia.
Dopo 1800 km di strada, Vesco e Guerini si sono imposti nella trentaquattresima rievocazione della Freccia Rossa, precedendo in classifica Luca Patron ed Elena Scaramuzzi, giunti al secondo posto, su O.M. 665 Superba Sport 2000 CC del 1926, con 50.088 punti, e Giordano Mozzi e Stefania Biacca che si sono aggiudicati il terzo gradino del podio a bordo di una Alfa Romeo 6C 1500 Gran Sport del 1933, con 49.262 punti.
«Dopo il secondo posto della scorsa edizione, hanno dichiarato i vincitori Vesco e Guarini, quest’anno siamo riusciti a centrare la vittoria. E’ la legge dei grandi numeri e prima o poi doveva arrivare, siamo stati bravi e fortunati, anche grazie alla macchina che non ci ha mai dato il minimo problema. E’ stata una gara fenomenale».
La speciale classifica, riservata agli equipaggi interamente femminili, è stato vinta da Silvia Marini e Saskia Stoeckkelmann su Riley 12/4 Sprite del 1936 che si sono aggiudicate la Coppa delle Dame.
Hanno preceduto gli equipaggi rosa formati da Loes e Annemarie Van De Velve, giunte al secondo gradino del podio, su Lagonda M 45 Rapide e dalle due pilote professioniste tedesche Susie Wolfe e Ellen Lohr, terze classificate su Mercedes-Benz 300 SL.
«Anche quest’anno il pubblico ha seguito Mille Miglia con affetto e entusiasmo, non solo nelle città sedi di tappa, ma soprattutto lungo il percorso, dove abbiamo visto tantissime persone di tutte le età aspettare il passaggio delle auto -  ha dichiarato Aldo Bonomi, Presidente di 1.000 Miglia S.r.l. - Il successo della manifestazione ripaga tutti gli sforzi e il lavoro sostenuto dall’organizzazione, una macchina complessa che ha coinvolto migliaia di persone».
«“Anche quest’anno la Mille Miglia ha fatto segnare numeri da record, ha dichiarato Andrea Dalledonne, Amministratore Delegato di 1000 Miglia S.r.l. Sono oltre 230, infatti, i Comuni attraversati nel corso della gara, 2.500 le persone coinvolte nell’organizzazione, 900 i partecipanti, provenienti da 38 nazioni, 450 le auto in gara, appartenenti a 71 case automobilistiche, 65 vetture partecipanti al Ferrari Tribute To Mille Miglia e le 60 auto del Mercedes-Benz Challenge To Mille Miglia, 1.800 operatori dei media accreditati, circa 4.000 stanze di hotel prenotate per i giorni della corsa»....

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
È recente la sentenza del Tribunale di Verona che ha condannato un’impresa che opera nelle energie rinnovabili a risarcire un consumatore assistito da Adiconsum Verona. Il cittadino veronese aveva concluso un contratto per un impianto di 6 Kw al costo di 30.000 euro. La ditta si era impegnata a concludere l'impianto entro sei mesi. Tuttavia, il termine non è stato rispettato e il ritardo ha causato danni. Infatti, l'impianto, non essendo entrato in funzione entro il 26 agosto 2012 non ha potuto usufruire degli incentivi più favorevoli del IV conto energia. Il cittadino veronese si è rivolto ad Adiconsum e al suo legale Silvia Caucchioli per ottenere un risarcimento del danno costituito dalla differenza degli incentivi tra il IV Conto e l'assai meno favorevole V conto energia, entrato in vigore dopo il 26 agosto 2012. Il Tribunale di Verona ha condannato la società a risarcire il consumatore di € 4.591,53 per il ritardo nella realizzazione dell'impianto. «Molti consumatori hanno avuto l'illusione di ottenere incentivi e risparmiare installando piccoli impianti fotovoltaici – evidenzia Silvia Caucchioli, legale di Adiconsum Verona - Gli agenti delle ditte specializzate si recavano presso le abitazioni facendo stipulare contratti per pannelli ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
Il Sindaco di Verona, Flavio Tosi, ha scritto una lettera al Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia e all'assessore alla Sanità, Luca Coletto nella quale li diffida a “voler disporre la pronta adozione dei necessari provvedimenti finalizzati all’attivazione dei posti letto negli Ospedali di Comunità del territorio veronese, consentendo, in tal modo, di assecondare le aspettative ed i bisogni delle persone, soprattutto anziane, bisognose dei servizi sanitari di prossimità e, nel contempo, di perseguire efficacemente il concreto raggiungimento...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 18/05/2016 @ 15:54:58, Sezione Politica)
Martedì 24 maggio, si terranno tre assemblee sindacali indette da CGIL - CISL - UIL fpl - UILPA per tutto il personale del Comune di Verona, dalle 7.30 alle 10, dalle 10.30 alle 13 e dalle 14.30 alle 17. Pertanto, in tale data, non sarà garantita la completa funzionalità dei servizi.
Articolo articolo Commenti commenti (1)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 18/05/2016 @ 15:53:00, Sezione Sport)
Il Sindaco Flavio Tosi e gli assessori allo Sport Alberto Bozza e all’Istruzione Alberto Benetti hanno partecipato questa mattina in piazza Bra all’avvio della settima tappa italiana dell’iniziativa ‘Un campione per amico’, organizzata da Banca Generali con la collaborazione dell’Assessorato allo Sport del Comune di Verona. La manifestazione a carattere sportivo-educativo ha fatto incontrare quattro campioni dello sport italiano, Adriano Panatta, Andrea Lucchetta, Francesco Graziani e Jury Chechi, con circa 600 bambini delle scuole primarie e secondarie di primo grado di Verona. “Sono felice che questo evento sia ritornato a Verona – ha detto Tosi – per una giornata dedicata ai giovani, alla passione sportiva, allo stare assieme, al riuscire a vincere così come al saper perdere. Questi quattro grandi testimonial, trasmettendo i loro valori alle nuove generazioni, dimostrano di...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 18/05/2016 @ 15:51:07, Sezione Sport)
Prosegue fino alla fine del mese di maggio l’European Cycling Challenge - ECC 2016, la sfida europea fra squadre di ciclisti urbani. Dopo circa due settimane dall’inizio Verona è al 28° posto, su 52 città iscritte, nella classifica principale, 26ª in quella della città più ciclabile e 24ª per numero di partecipanti, che al momento sono 620. “Dopo diciassette giorni dall’avvio della sfida - commenta l’assessore all’Ambiente Enrico Toffali - Verona è quasi a metà ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 18/05/2016 @ 10:39:16, Sezione Sanità)
Sono in tutto quasi 400 le misurazioni gratuite della pressione effettuate ieri mattina (oltre cento sia a Verona che a Legnago e oltre 150 a Bussolengo) nella XII Giornata mondiale contro l’ipertensione arteriosa. A questa cifra si dovrà aggiungere nei prossimi giorni quella delle misurazioni effettuate nelle farmacie dell'intera provincia di Verona. In tutte e tre le postazioni delle piazze sono stati operativi farmacisti, personale medico della SIIA e volontari della Croce Rossa che hanno offerto all’utenza la misurazione gratuita della pressione arteriosa e la compilazione di un questionario anonimo i cui dati verranno elaborati da Federfarma Verona. Inoltre, è stato consegnato materiale informativo sui corretti stili di vita e donato salutare pane iposodico dall’Associazione Panificatori Verona per evidenziare l’importanza di una corretta alimentazione nella ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
pagine: 1 2 3 4


^ Torna su ^

Cerca tra le notizie
 
gsk
Pillole
top
left euposia right
bottom
Titolo
Archiviati per sezione:
Agricoltura (141)
Ambiente (759)
Appuntamenti (68)
Arte (216)
Attualità (859)
Boomerang (2)
Bulldog (30)
Costume (2)
Cronaca (1462)
Cultura (209)
Economia (1038)
Happy hour (122)
Inchiesta (15)
Musica (3)
Pecora Nera (15)
Politica (523)
Pungitopo (1)
Quattro chiacchiere (8)
Redazione (2)
Salute (34)
Sanità (963)
Scuola (216)
Sogno o son destro? (110)
solidarietà (371)
Sparagli Piero (42)
Spettacoli (833)
Spin Doctor (63)
sport (154)
Tempo libero (106)

Archiviati per mese:
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006

L'Adige - Archivio numeri arretrati
top
left pillole right
bottom
Titolo  
L'ADIGE di Verona

Autorizz.Tribunale C.P. di Verona
nr. 1356 del 16/3/99
Iscrizione al Registro Nazionale della
Stampa n. 8857 del 15/12/2000

CONTESTO EDITORE scarl
Palazzo Ravignani - Via Frattini, 3
37121 Verona

Presidente e Direttore Responsabile:
Beppe Giuliano
Caporedattore:
Nicoletta Fattori

Redazione e Pubblicità:
Via Frattini, 3 - 37121 Verona
Tel. 045 8002685
Fax 045 596242
Per l’invio di comunicati stampa:
desk@giornaleadige.it

 

Feed XML RSS 0.91
Feed XML Atom 0.3

Valid XHTML 1.0 / CSS top