Direttore Beppe Giuliano
Settimanale di Verona
RSS di - ANSA.it Dolce & Gabbana, salta sfilata a Shangai - Sanremo 2019: da Gigi e Anna a Raf e Tozzi, il totonomi - Quanto tempo si passa sui social? Facebook attiva il timer - Ue boccia la manovra, le reazioni - La Ue boccia la manovra italiana  «Procedura di infrazione giustificata» Cosa può succedere ora|Rischio sanzioni - Il governo prepara  le contromosse: pronta  la vendita di immobili  - Demolizione ville Casamonica, tensioni e proteste del clan: «Dormiremo da Raggi e Salvini?» - Dentro le ville anche letti di marmo e una culla imperiale con inserzioni in oro Il video Un trono e il busto di Cesare - Spada e Casamonica, la testata della rovina - Caso Aquarius, guerra alle ong con un cavillo - Lavoro, il Paese che dimentica i giovani - Manovra, arriva la bocciatura dell'Europa: aperta la strada alla procedura per deficit -
Euler Hermes


homepage : storico per mese (inverti l'ordine)
Elenco articoli pubblicati (in ordine cronologico)

Durante il servizio di controllo “Targa System” di ieri, la Polizia municipale ha sequestrato in strada Bresciana un autocarro privo di assicurazione dal novembre 2012, con revisione scaduta e carta di circolazione contraffatta, il cui conducente, con patente revocata, allo stop degli agenti ha anche tentato la fuga. L’autocarro, risultato positivo all'apparecchio di controllo per la verifica assicurativa e della revisione, ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 01/07/2014 @ 12:52:57, Sezione Ambiente)
Una pattuglia della Polizia Provinciale ha sorpreso un bracconiere nell'area di Sant'Ambrogio, che è zona di Ripopolamento e Cattura in cui è sempre vietata la caccia. L'uomo - G. N. - ha 40 anni ed è residente in loco è stato trovato in atteggiamento venatorio e con fucile carico, pertanto gli agenti hanno provveduto a denunciarlo all'Autorità giudiziaria competente e a sequestrare il fucile. Il controllo è stato svolto a seguito di alcune segnalazioni dei cittadini, che avevano avvertito degli spari notturni. ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
In che modo il cervello influenza il nostro gradimento del cibo e in che modo il cibo riesce a influenzare la plasticità neurale, ovvero la possibilità dei neuroni di modificarsi e modificare la loro capacità di comunicare l’uno con l’altro? Per dare risposta a tali quesiti e altre importanti scoperte scientifiche giovedì 10 e venerdì 11 luglio neuroscienziati ed esponenti del mondo enogastronomico si sono dati appuntamento a Verona per raccontare dell’affascinante rapporto che lega aromi, sapori e cervello. La due giorni scaligera all’insegna della Neurogastronomia, e non solo, chiude il Fens Forum, congresso mondiale della Federazione delle Società Europee di Neuroscienze, che si svolgerà per la prima volta a Milano dal 5 al 9 luglio....

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
Dopo lunghe indagini della Polizia municipale, è stato individuato il conducente della Mini Cooper che lo scorso 18 marzo, alle 7.20 del mattino, si è allontanato da via Gardesane, subito dopo essere rimasto coinvolto in un incidente senza feriti. L’uomo, un veronese di 27 anni, interrogato dagli agenti ha confessato la fuga, dichiarando di essersi allontanato sia a causa dello stato confusionale in cui si trovava, ma anche per paura che altre vetture potessero giungere e rimanere coinvolte nel sinistro, date le condizioni di ridotta visibilità per la presenza di nebbia. L’esito positivo delle indagini è stato favorito dalle puntuali descrizioni dell’altro conducente coinvolto nel ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
In riferimento alle notizie apparse oggi sulla stampa relative all’introduzione nei mercati di mais inquinato da diossine, proveniente dall’Ucraina e sbarcato al porto di Ravenna, i servizi veterinari della Regione Veneto puntualizzano quanto segue: - si tratta di mais a esclusivo consumo animale, non a consumo diretto umano; - sono stati immediatamente attivati i servizi veterinari territoriali con sequestro del mais introdotto (in due strutture nel Veneto) in attesa della eliminazione, attraverso l’esecuzione di due ulteriori campionamenti di verifica;...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (1)  Storico storico  Stampa stampa
 
Le vacanze devono essere un periodo rilassante e proprio per questo è opportuno considerare con attenzione se i farmaci che portiamo con noi sono sufficienti a coprire l’intero periodo delle ferie. A questo proposito Federfarma Verona ricorda ai pazienti che attualmente la ricetta rossa emessa in territorio veneto ha competenza regionale e quindi se ci spostiamo nel resto d’Italia è opportuno avere con noi i farmaci necessari al mantenimento della terapia. In aereo è utile portare i farmaci nel bagaglio a mano e sempre con i relativi foglietti illustrativi per i controlli sulla sicurezza. Per quanto riguarda i Paesi dell’Unione Europea a seguito della cosiddetta “Schengen della Salute” i ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 02/07/2014 @ 12:23:56, Sezione Agricoltura)
Prezzi in picchiata per le pesche nel veronese. A sottolineare la criticità della situazione è il coordinamento Agrinsieme tra Confagricoltura, C.I.A, Confcooperative e Lega delle Cooperative. I prezzi realizzati dagli agricoltori sono infatti largamente al di sotto dei costi di produzione sostenuti. All'origine, Franco azienda, sono mediamente di € 0,64 al kg, con una variazione negativa del 26,7% sullo stesso periodo dell'anno precedente . Analogamente i prezzi riscontrati sul prodotto venduto all’ingrosso al mercato ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
di Redazione Web (del 03/07/2014 @ 10:40:37, Sezione Cronaca)
E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale Europea il regolamento delegato della Commissione numero 665/2014 che completa il regolamento Ue numero 1151 del 2012, e che stabilisce le condizioni d’uso dell’indicazione facoltativa di qualità dei prodotti realizzati in altura. Prosciutti, insaccati, carni, formaggi stagionati, latticini, frutta,legumi e mieli prodotti in aree montuose, potranno dunque fregiarsi del nuovo marchio europeo d’origine e tutela “prodotto di montagna”. Tali produzioni approderanno sul mercato solamente se rispettosi di rigorosi parametri imposti dal regolamento europeo. Ad esempio nel caso degli allevamenti, gli animali non solo dovranno aver trascorso almeno gli ultimi due terzi del loro ciclo di vita in aree di altura, ma dovranno essere stati alimentati con almeno il 50 per cento di mangimi prodotti in montagna. L'indicazione prodotto di montagna è quindi riservata ai prodotti il cui ciclo produttivo è svolto interamente nei Comuni montani, con la sola possibilità di derogare la fase trasformazione (macellazione, molitura, ecc.) entro i 30 chilometri di prossimita'. «E' un risultato importante per produttori e consumatori e una notizia molto positiva per le nostre aziende agricole della montagna veronese e veneta - sottolinea Gianni Dal Moro, parlamentare Pd, Commissione Agricoltura della Camera - . Da tempo seguivo questo provvedimento assieme al Presidente De Castro e con il prezioso lavoro del Presidente dell' intergruppo parlamentare sullo sviluppo della montagna On.le Enrico Borghi, e ora i tanti sforzi sono stati premiati. Ora è importante attivare e coinvolgere tutta la filiera della montagna veronese che vede coinvolti agricoltori e trasformatori delle aree di montagna, con evidenti ripercussioni positive sul settore dell'enogastronomia e del turismo rurale ». Nel nuovo Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 varato dal governo è prevista la possibilita' di finanziare ai produttori organizzati iniziative di promozione della nuova indicazione di origine montana.
Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
“Gli Italiani in Crimea. Un genocidio dimenticato”. Questo il titolo della mostra fotografica inaugurata ieri, alla presenza di un numeroso pubblico e rappresentanti delle Istituzioni comunali. L’esposizione, organizzata dall’Associazione Pugliesi a Verona in collaborazione con il Comune di Verona, sarà visitabile gratuitamente presso la sala Birolli, in via via Macello 17 a Verona, fino a domenica 6 luglio, dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19. Sarà esposto materiale storico e documentale, raccolto ed elaborato da Walter Pilo, presidente dell’Associazione L’UOMO LIBERO di Trento e dal vice direttore di Radio Rai, Stefano Mensurati....

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
A cento anni dalla nascita dell’ultimo focolaio ermetico, la Fondazione Mario Luzi ha deciso di realizzare un Volume dedicato al poeta nato a Castello di Firenze nel 1914 e scomparso lo scorso 2005. Il volume dal titolo “Enciclopedia di Poesia Contemporanea” dedicato al poeta/senatore Mario Luzi conterrà alcune liriche scelte minuziosamente per cingere questo prestigioso evento culturale. Tra i nomi dei poeti contemporanei scelti per l’occasione spunta quello di Carlo Rossi di Castelnuovo del Garda. Del poeta castelnuovese sono state scelte alcune liriche che verranno inserite all’interno dell’opera....

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
Acque Veronesi ha raggiunto quota 75. La società consortile ha aggiunto un nuovo Comune alla lista di quelli già serviti. Dal primo luglio, infatti, è subentrata nella gestione del servizio idrico integrato del Comune di Illasi. Con questo ingresso, il numero degli abitanti serviti dall’azienda presieduta da Massimo Mariotti raggiunge quota 800 mila. L’affidamento del servizio idrico integrato ad Acque Veronesi, previsto dalle normative vigenti, comporterà notevoli migliorie per i cittadini, quali ad esempio una razionalizzazione del servizio, il raggiungimento di elevati standard di qualità e sicurezza, un maggior numero di controlli e la realizzazione di importanti investimenti in nuove infrastrutture, spesso attese da anni. Da martedì primo luglio quindi, la gestione operativa dell’intero servizio (acquedotto, fognatura e depurazione e la loro manutenzione) è passata ad Acque Veronesi. La società consortile a responsabilità limitata si occuperà inoltre della fatturazione dei consumi e dell'assistenza alla clientela. Proprio a proposito dell’aspetto legato alla bollettazione nei confronti degli utenti, va ricordato che il recente decreto Legge 201/11 del governo Monti ha stabilito che le tariffe idriche sono regolate dall’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas (AEEG) e che quindi Acque Veronesi si limita ad applicare le quote (che rimangono comunque, come dimostrato anche da recenti studi e ricerche, le più basse del Veneto e tra le più basse d’Italia) determinate dall’authority nazionale. Gli sportelli di riferimento per i circa 2.500 utenti di Illasi sono quelli di Acque Veronesi, siti a San Bonifacio in corso Venezia 6/C e a Tregnago in piazza Massalongo, 13/A. Sul sito internet della società sono indicati gli orari di apertura ed i contatti telefonici degli uffici. I cittadini, che potranno continuare ad utilizzare le consuete modalità di pagamento, troveranno all’interno della prossima bolletta (che non sarà più inviata dall’amministrazione comunale, ma direttamente dalla società) una serie di utili informazioni riguardanti tutti gli aspetti contrattuali e commerciali del servizio ed i recapiti per tutte le richieste di informazione ed esigenze. ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
«Che non fosse uno dei tanti slogan politici lo sapevamo per certo, ma che i lavori tecnici per stabilire i criteri di assegnazione dei contributi straordinari stanziati dalla Regione Veneto in favore delle farmacie rurali di Verona e dell’intera regione si concludessero nell’arco di appena tre mesi era davvero difficile da prevedere». La responsabile Rurale di Federfarma Verona Claudia Sabini commenta così l’operato della Giunta Regionale che, su proposta dell’assessore alla sanità Luca Coletto, ha stabilito come avverrà la ripartizione e di conseguenza l’erogazione, dei contributi per il sostegno alle farmacie rurali sussidiate nel Veneto, pari a 300.000 euro complessivi, inseriti nel bilancio 2014. Si tratta di un ulteriore riconoscimento rispetto a quanto previsto dallo Stato per le farmacie che operano in zone disagiate della nostra regione. ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
L’assessore alla Mobilità Enrico Corsi e il presidente di Amt Germano Zanella hanno sottoscritto questa mattina, a Palazzo Barbieri, l’accordo di programma per la variante urbanistica riguardante la realizzazione del sistema filoviario cittadino. L’accordo di programma, che conclude il complesso iter di elaborazione della variante urbanistica, durato quattro mesi, permetterà – dopo l’approvazione della Giunta e del Consiglio comunale - di attivare le procedure di occupazione delle aree interessate dal tracciato della filovia, compresa quella del deposito della Genovesa e in generale tutte quelle dove è prevista la posa dei pali delle linee di trazione e l’installazione delle cabine delle sottostazioni. “Con questo atto si fa un ulteriore passo avanti verso l’avvio dei lavori –spiega l’assessore Corsi- nei prossimi giorni infatti l’accordo sarà sottoposto alla Giunta e successivamente, già martedì prossimo, verrà portato in Commissione consiliare, in modo da poter arrivare all’esame del Consiglio comunale la prossima settimana. Il voto del Consiglio sarà l’atto finale, che consentirà finalmente il via definitivo ai lavori del filobus. Un percorso che la dice lunga sull’assurdità del nostro Paese, dove i tempi burocratici per avviare un’opera pubblica sono più lunghi dei tempi necessari per realizzarla”. “Al di là degli aspetti tecnici – commenta il presidente di Amt Germano Zanella - la firma di oggi è particolarmente importante perché si avvia a conclusione il percorso della più importante opera pubblica “cantierabile” a breve termine in città, per un valore di oltre 130 milioni....

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
Il tumore del pancreas colpisce ogni anno oltre 1.000 persone nel Veneto, 12mila in Italia. È una forma di cancro aggressiva e molto diffusa: eppure i cittadini non sembrano esserne informati. Il 77% non conosce i sintomi, l’88% non ha mai letto nulla in merito e il 97% non ne ha mai parlato con il proprio medico di famiglia. Ma l’81% sarebbe interessato a saperne di più. Sono i dati del sondaggio promosso dalla campagna nazionale di sensibilizzazione “PanCrea: creiamo informazione”, che tocca oggi Verona, voluta dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e dalla Fondazione “Insieme contro il cancro” in sette Regioni e unica nel suo genere. “Il nostro è un centro di riferimento – afferma il prof. Giampaolo Tortora, Direttore dell’Oncologia Medica d.U. dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Policlinico “G.B. Rossi” di Verona –. Vediamo ogni anno oltre 1.000 nuovi casi tra consulenze, interventi e chemioterapie, con oltre il 70% dei pazienti proveniente da fuori Regione. Numeri che ci portano ai primi posti al mondo per questa neoplasia. Il tour è fondamentale perché punta a informare la popolazione, soprattutto sulla prevenzione, particolarmente importante quando si tratta di un tumore molto difficile da curare. Seguire uno stile di vita sano è necessario per ridurre il rischio di cancro, anche del pancreas. Ma, secondo il 49% delle persone che hanno risposto al sondaggio (oltre 1.500), una condotta equilibrata serve a poco. Forse non sanno, ad esempio, che uno dei pericoli più grandi è la sigaretta: infatti il 23% di loro fuma. Ma non solo. Il 55% non pratica esercizio fisico con regolarità e solo uno su dieci mangia le porzioni di frutta e verdure raccomandate. Comportamenti non corretti, su cui dobbiamo intervenire”. Nell’ambito della campagna “PanCrea”, resa possibile grazie al contributo incondizionato di Celgene, sono stati realizzati due opuscoli informativi, uno dedicato alla prevenzione e uno ai pazienti, oltre a un ulteriore questionario per gli oncologi. “Se vogliamo aumentare le diagnosi precoci e provare a cambiare la storia di questo tumore, dobbiamo rafforzare la collaborazione con altri specialisti: l’approccio multidisciplinare per le forme metastatiche risulta invece essere ‘poco frequente’ per il 43% degli oncologi – afferma il prof. Claudio Bassi, Direttore della Chirurgia B e dell’Istituto del Pancreas del Policlinico –. Dobbiamo rivolgerci anche al nostro esterno, in modo particolare ai medici del territorio: solo loro conoscono perfettamente la storia dell’assistito e possono individuare le situazioni a rischio, attuando strategie di prevenzione”. Creare informazione e dibattito è fondamentale per rafforzare il collegamento tra specialista e ‘camice bianco’, soprattutto ora che i tumori, grazie anche alle nuove terapie, fanno sempre meno paura. “Secondo questo sondaggio, per il 58% dei cittadini il cancro non è più un ‘male incurabile’ – aggiunge il dott. Mario Celebrano, Presidente della sezione veronese della Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) –. Ma l’operazione culturale non si può fermare: il 100% degli abitanti della Penisola deve sapere che oggi le neoplasie si possono sconfiggere. È un processo che coinvolge anche i medici di famiglia, perché ricevono quotidianamente pazienti oncologici. Si deve riuscire a cogliere i primi segnali di malattia, per indirizzare precocemente gli assistiti al centro di riferimento, distribuendo sul territorio il management delle persone in carico. Con ‘PanCrea’ torniamo finalmente a occuparci di una patologia praticamente misconosciuta”. ...

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (1)  Storico storico  Stampa stampa
 
i sono voluti 18 mesi di intenso confronto, ma alla fine Ance, le associazioni cooperative e i sindacati del settore edile hanno firmato il rinnovo del contratto nazionale, raggiungendo obiettivi di efficienza, sostenibilità e qualità del lavoro, oltre a un aumento delle retribuzioni che, se non soddisfa appieno le esigenze di tutti, va comunque considerato un risultato positivo nel quadro di una crisi che continua a colpire le imprese e l’occupazione. L’intesa prevede In particolare la razionalizzazione e la maggiore efficienza del vasto sistema degli enti bilaterali, puntando su una decisa riduzione dei costi, ma anche la ristrutturazione dell’istituto dell’anzianità della professionalità edile, che assumerà un carattere nazionale e un incremento della flessibilità nei rapporti di lavoro che porta al 40% i contratti a tempo determinato. Per quanto riguarda i costi contrattuali si è raggiunto l’equilibrio su 48 euro mensili di aumento complessivo, di cui 8 per la previdenza complementare. “Il rinnovo del contratto, giunto al termine di una lunga e difficile trattativa, è frutto dello sforzo comune di garantire un futuro migliore al settore dell’edilizia”, sottolinea Fortunato Serpelloni, presidente di Ance Verona. “In un momento di perdurante crisi per il comparto dimostra il grande senso di responsabilità e la volontà del sistema di puntare alla crescita. Principi condivisi dalle imprese e dai sindacali aderenti agli Stati Generali delle costruzioni”. “Tra i punti qualificanti del nuovo contratto c’è la riorganizzazione degli enti bilaterali, tema sul quale il Veneto si è impegnato molto – aggiunge Carlo Trestini, presidente della Cassa Edile di Verona e rappresentante di Ance Verona durante la trattativa nazionale –. Le nuove linee guida garantiranno in tempi certi più efficienza, risparmi e razionalizzazione di spesa, pur mantenendo l’efficacia nei servizi che ci vede come esempio per gli altri settori”. A Verona il contratto si applicherà a oltre 1700 aziende e a un ampio indotto, per circa 9000 dipendenti che diventano quasi 50 mila a livello regionale e 800 mila in tutta Italia....

continua a leggere >>

Articolo articolo Commenti commenti (0)  Storico storico  Stampa stampa
 
pagine: 1 2 3


^ Torna su ^

Cerca tra le notizie
 
gsk
Pillole
top
left euposia right
bottom
Titolo
Archiviati per sezione:
Agricoltura (143)
Ambiente (767)
Appuntamenti (69)
Arte (219)
Attualità (870)
Boomerang (2)
Bulldog (30)
Costume (2)
Cronaca (1469)
Cultura (210)
Economia (1038)
Happy hour (122)
Inchiesta (15)
Musica (3)
Pecora Nera (15)
Politica (523)
Pungitopo (1)
Quattro chiacchiere (8)
Redazione (2)
Salute (34)
Sanità (987)
Scuola (221)
Sogno o son destro? (110)
solidarietà (373)
Sparagli Piero (42)
Spettacoli (872)
Spin Doctor (63)
sport (156)
Tempo libero (106)

Archiviati per mese:
Novembre 2018
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006

L'Adige - Archivio numeri arretrati
top
left pillole right
bottom
Titolo  
L'ADIGE di Verona

Autorizz.Tribunale C.P. di Verona
nr. 1356 del 16/3/99
Iscrizione al Registro Nazionale della
Stampa n. 8857 del 15/12/2000

CONTESTO EDITORE scarl
Palazzo Ravignani - Via Frattini, 3
37121 Verona

Presidente e Direttore Responsabile:
Beppe Giuliano
Caporedattore:
Nicoletta Fattori

Redazione e Pubblicità:
Via Frattini, 3 - 37121 Verona
Tel. 045 8002685
Fax 045 596242
Per l’invio di comunicati stampa:
desk@giornaleadige.it

 

Feed XML RSS 0.91
Feed XML Atom 0.3

Valid XHTML 1.0 / CSS top