Direttore Beppe Giuliano
Settimanale di Verona
RSS di - ANSA.it X Factor, Lodo è al lavoro con i Gruppi - 'La donna dello scrittore', vince la parola - La Capria, la mia idea di letteratura - Pallavolo: Mondiali, Serbia-Olanda 3-1 - Spread tocca 340 al top da 5 anni. Banche a picco, contrattazioni sospese |Ora l’Europa teme il contagio - Salvini: «Domani a Roma  per risolvere problemi»  Conte evoca le dimissioni - Non si governa con il rancore - Il manager ritrovato in Scozia: «Amnesia totale non parla più l’italiano» - Il governo e la manovra: la danza dei folli sul burrone - Il capitale femminile all'Università - "Alzati e cammina", una resurrezione laica - Nubifragio nel Catanese: esondazioni, strade chiuse e danni ad automezzi -
Euler Hermes


Elenco articoli pubblicati in questa sezione (in ordine cronologico)

Tornano gli appuntamenti autunnali del programma “Benessere ed Estetica” - a cura di Federfarma Verona con il patrocinio dell’Azienda Ulss 9 Scaligera - dedicato alle pazienti oncologiche che desiderano tornare ad occuparsi anche della propria bellezza per recuperare serenità e autostima. Il progetto partito nel 2015 che ha visto il coinvolgimento di Gabriella Rossignoli e Nadia Segala membri del Consiglio di Federfarma Verona insieme alla vicepresidente di Federfarma Verona Arianna Capri è realizzato in collaborazione con l'associazione “Cuore di Donna” gruppo operativo di Legnago, i Comuni di Bussolengo e San Bonifacio. Si tratta di 7 incontri gratuiti di quattro ore ciascuno che vedranno la partecipazione di 6/8 pazienti oncologiche per volta (con la possibilità di intervenire ad un solo incontro per ciclo) durante i quali verranno offerti dalle esperte APEO, l’Associazione professionale di estetica oncologica, consigli professionali personalizzati di trucco correttivo per esaltare la bellezza delle donne in terapia ed ...

continua a leggere >>

 
Costruire un nuovo modello di logistica da utilizzare come strumento operativo di gestione provinciale dell’“ultimo miglio”, ma anche per offrire al territorio veronese maggiori servizi tramite le farmacie. Di questo si è discusso nel primo incontro svoltosi a Verona tra Antonello Mirone presidente di Federfarma Servizi, associazione a cui sono iscritti grossisti di proprietà di farmacie – nel nostro territorio Cef, Unico e Unifarm - ed una delegazione di Federfarma Verona, con Marco Bacchini membro del Consiglio di presidenza nazionale. Il piano di lavoro coordinato da Federfarma Verona, operativo già a partire da ottobre, valuterà criticità ed elementi utili allo sviluppo del sistema logistico e ha già affrontato in questo primo step le basi di uno studio di fattibilità aprendo un tavolo di lavoro tecnico al quale siederanno, accanto a Federfarma Verona, i referenti dei tre principali grossisti, per valutare i diversi aspetti della progettualità: vantaggi dal punto dei vista dei costi, del minor inquinamento, della qualità e delle garanzie del servizio, solo per fare qualche esempio. «L’incontro del 21 settembre ha gettato le basi per una sintonia di intenti che riconosca gli attori coinvolti ...

continua a leggere >>

 
di Redazione Web (del 06/09/2018 @ 19:27:22, Sezione Sanità)
A tutto il 5 settembre scorso, i bambini e ragazzi tra 0 e 16 anni che risultano inadempienti all’obbligo vaccinale sono 79.843, in calo di 5.833 unità rispetto alla situazione fotografata il 10 maggio scorso. Di questi, quelli tra 0 e 6 anni, in età pre scuola dell’obbligo, sono 18.549, in calo di 3.762 unità rispetto a maggio. Sono questi i risultati del “Monitoraggio sulla situazione vaccinale ai sensi della legge 119/2017” diffuso oggi dalla Direzione Prevenzione dell’Area Sanità e Sociale della Regione Veneto. La popolazione complessiva registrata dall’anagrafe vaccinale della Regione, ...

continua a leggere >>

 
di Redazione Web (del 05/09/2018 @ 19:17:10, Sezione Sanità)
Si stima che in Italia l’8% di tutti i tumori abbia origine da un’infezione causata da virus e batteri. I più noti agenti infettivi ad azione oncogena sono il Papilloma Virus umano (HPV), responsabile in particolare del tumore alla cervice uterina, il virus dell’epatite B (HBV), che è una delle cause principali del tumore primitivo del fegato, e l’Helicobacter Pylori, uno dei fattori di rischio del tumore dello stomaco. Di “Tumori e agenti infettivi” si parlerà venerdì 7 settembre a partire dalle ore 14 all’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria di Negrar nell’ambito del 42° incontro oncologico del Triveneto, promosso dal Coordinamento organizzativo ed educazionale della Rete Oncologica Veneta e coordinato scientificamente da Stefania Gori, presidente dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e direttore dell’Oncologia Medica di Negrar. L’incontro vede come relatori specialisti del Cancer Care Center e del Dipartimento di Malattie infettive e Tropicali dell’IRCCS “Sacro Cuore-Don Calabria”, ma anche provenienti dall’Istituto Oncologico Veneto, dal Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, dall’ospedale San Bortolo di Vicenza e dal Policlinico Sant’Orsola-Malpighi di Bologna. Si stima che in Italia l’8% di tutti i tumori abbia origine da un’infezione causata da virus e batteri. «Quasi 5mila nuovi casi all’anno sono attribuiti ad infezioni ...

continua a leggere >>

 
di Redazione Web (del 19/07/2018 @ 16:39:41, Sezione Sanità)
«Due episodi in pochi giorni testimoniano come la questione della mucca pazza non sia purtroppo un capitolo chiuso e che andrebbero fatte ulteriori riflessioni sulle attività preventive». È quanto afferma il Consigliere regionale del Partito Democratico Andrea Zanoni a proposito del doppio caso del morbo di Creutzfeldt-Jakob, la cui variante più nota è appunto quella della ‘mucca pazza’. «La scorsa settimana - ricorda Zanoni - è morto a Mirano un anziano di Martellago dopo tre anni e mezzo di malattia, mentre a Treviso è ricoverata da settimane una donna, le cui condizioni sono progressivamente peggiorate. In passato in Veneto e soprattutto nella Marca trevigiana si sono verificati diversi decessi attribuiti all’encefalopatia spongiforme bovina e ogni anno questa patologia provoca in media cinque vittime. Lo scorso ottobre ...

continua a leggere >>

 
di Redazione Web (del 18/07/2018 @ 17:19:05, Sezione Sanità)
La corretta conservazione dei farmaci sempre, ma soprattutto in estate, è una pratica necessaria e anche salvavita perché quando il principio attivo alterato dalle alte temperature non è più efficace è come se non lo avessimo assunto. Le regole base sono quelle che si consigliano, anche in città, ovvero di non lasciare mai qualsiasi farmaco all’interno dell’auto parcheggiata o nel bauletto della moto, ma appena ritirati dalla farmacia vanno portati nel minor tempo possibile a casa seguendo le istruzioni del farmacista soprattutto in presenza di farmaci termolabili, che si alterano facilmente al variare della temperatura. Se si tratta di questo tipo di prodotto sia farmaco che dispositivo medico non va mai lasciato nemmeno per poche decine di minuti al caldo dell’abitacolo a meno che non si disponga di un contenitore refrigerato. In estate è utile fare un check dei farmaci che si tengono abitualmente a casa compresi gli integratori alimentari e i prodotti per uso topico notando eventuali alterazioni dell’aspetto, colore, odore, consistenza, omogeneità. In particolare creme e unguenti con il caldo tendono a cambiare il loro stato e quindi oltre a macchiare stoffe e indumenti, se tenuti in luogo non protetto potrebbero subire trasformazioni tali per cui nonostante il ripristino della ...

continua a leggere >>

 
A oggi, le persone coinvolte nel Piano di Sorveglianza Sanitaria attivato dalla Direzione Prevenzione dell’Area Sanità e Sociale della Regione in relazione all’inquinamento da PFAS verificatosi in alcune parti del territorio veneto, sono 17.605. Per 13.856 di queste sono già disponibili tutti gli esiti (valori degli esami e risposte al questionario sugli stili di vita proposto). I soggetti già invitati sul totale delle persone da invitare sono il 39,8%; quelli che hanno aderito alla chiamata e si sono presentati alla visita sono il 60%. Al 27 giugno scorso sono 7.716 le persone alle quali è stato indicato di iniziare un percorso di approfondimento (di secondo livello) prenotando una visita presso l’ambulatorio internistico e quello cardiovascolare. Di questi, 750 si sono presentati per la visita internistica e 1.079 per quella cardiologica. Questi e molti altri dati sono contenuti nel sesto Rapporto sull’andamento del Piano di Sorveglianza Sanitaria sulla Popolazione esposta a PFAS, diffuso oggi dalla Direzione Prevenzione della Regione che, in collaborazione con le Ulss e le strutture sanitarie interessate e messe gratuitamente a disposizione degli abitanti nei Comuni, suddivisi in “Area Rossa A” e “Area Rossa B”, sta proseguendo nell’attuazione del complesso Piano rivolto alla salute delle persone esposte all’inquinamento...

continua a leggere >>

 
A seguito del ritiro cautelativo disposto dall’Aifa, l’Agenzia Italiana del Farmaco, di diversi lotti di farmaci a base del principio attivo Valsartan come misura precauzionale a seguito del riscontro di un difetto di qualità concernente un’impurezza nel principio attivo Valsartan, Federfarma Verona comunica che le farmacie associate sono a disposizione dei pazienti per indicazioni in merito. Si tratta di medicinali di varie aziende produttrici utilizzati per il trattamento dell’ipertensione arteriosa, dell’insufficienza cardiaca e nei pazienti che hanno subito un infarto. L’Aifa invita i pazienti in cura con i farmaci oggetto di ritiro a consultare il medico prima possibile per passare ad altri farmaci, segnalando nel contempo che tali pazienti non dovrebbero interrompere la cura prima di aver parlato con il medico per concordare un trattamento alternativo ...

continua a leggere >>

 
“Promessa mantenuta, e non è cosa da poco. Un ospedale per acuti nuovo e moderno come il Magalini, collegato al rilancio del polo riabilitativo all’Orlandi di Bussolengo, consegna a quest’area della provincia di Verona una strutturazione sanitaria di alta caratura e altrettanto elevata specializzazione. Due caratteristiche che distinguono la sanità moderna da quella antiquata, fatta da un ospedale sotto ogni campanile e tanti posti letto tutti uguali”. Lo ha detto l’Assessore regionale alla Sanità Luca Coletto intervenendo oggi, con il Presidente Luca Zaia, all’inaugurazione del nuovo Ospedale Magalini di Villafranca. “Si tratta – ha aggiunto – di una struttura strategica per un’area vasta e importante del veronese, perché si trova sulla direttrice della Bassa Veronese, collegata alla Tangenziale di Verona, capace di ...

continua a leggere >>

 
Il 12 giugno scorso il sistema regionale di sorveglianza integrata di malattie trasmesse da vettori, con l’Istituto Zooprofilattico delle Venezie ha rilevato la prima positività per virus West Nile (WNV) in un pool di zanzare catturate in una trappola posizionata nel comune di Villa Bartolomea (Verona). Nei giorni successivi sono state rilevate positività anche in altre trappole delle province di Treviso e Venezia. Alle positività per WNV nelle zanzare è seguito nella giornata del 26 giugno la conferma di laboratorio del primo caso di malattia neuro-invasiva da virus West Nile del 2018 in una persona residente a Polesella in provincia di Rovigo. Dal 1 giugno è attivo il sistema di sorveglianza delle malattie ...

continua a leggere >>

 
Parte da Verona il progetto pilota ‘Cane sicuro’, che verifica a tappeto la presenza del microchip sui cani a passeggio in citta’. L’iniziativa, nata dalla collaborazione fra Comune, Polizia locale e veterinari del Canile Sanitario – primi a segnalare l’alto numero di cani senza microchip – punta ad accrescere fra i cittadini l’attenzione per la sicurezza e la cura del loro animale. Si tratta del primo controllo sistematico effettuato in una citta’ italiana. Ad oggi, nel solo Comune di Verona, i cani che risultano iscritti all’apposita anagrafe sono 28.125, mentre in Veneto, secondo l’Istat, ne sono censiti piu’ di 1 milione e 213 mila. Il Veneto con 1.200.000 animali chippati è seconda in Italia solo alla Lombardia. Si stima siano ancora numerosi i proprietari che, disattendendo la legge, non applicano al cane il microchip sottocutaneo con codice magnetico di 15 cifre valido per il riconoscimento. Nelle prime due settimane di verifiche, agenti della Polizia municipale specificatamente formati con il supporto del Canile Sanitario, hanno controllato complessivamente 84 cani, di cui tre sono risultati senza il chip. “Grazie all’operazione ‘Cane Sicuro’ – spiega la consigliera delegata alla Tutela degli animali Laura Bocchi -, Verona e’ la prima citta’ d’Italia ad attivare una specifica campagna di controllo per individuare tutti quei proprietari [//}di cani che, non rispettando la legge, non microchippano il proprio animale. L’operazione, fortemente voluta dall’Amministrazione, punta ad accrescere l’attenzione verso il mondo animale e, in particolare, verso una obbligatorieta’ di legge che, nel caso dei cani, ne garantisce il controllo e una maggior sicurezza”. La Polizia municipale di Verona, con l’inizio dell’estate, spiega il Comandante Luigi Altamura, ha deciso “di incrementare, con l’utilizzo di un innovativo sistema di controllo, le verifiche sui microchip dei cani a passeggio in citta’. Con un semplice passaggio all’altezza del collo dell’animale e’ possibile accertare immediatamente la presenza o meno del cip e la correttezza dell’anagrafica inseriti nella banca dati del Veneto e all’Anagrafe canina nazionale. Ricordo che registrare il proprio cane, con relativo cip, e’ obbligatorio per legge”.
 
di Redazione Web (del 18/06/2018 @ 13:38:19, Sezione Sanità)
La farmacia aperta in quel preciso momento e più vicina all’utente che la sta cercando. Si chiama “Farmamia Verona” la nuova app mobile realizzata da Federfarma Verona e disponibile sull’intero territorio provinciale. Con questo nuovo e versatile strumento tecnologico si supera il concetto limitato alla sola della Guardia Farmaceutica (la cui comunicazione resta comunque obbligatoria) per offrire al cittadino la visione delle aperture in tempo reale. Il sistema tiene quindi conto delle aperture in deroga, che tra l’altro aumentano durante l’estate soprattutto nelle zone ad alta vocazione turistica, degli ampliamenti di orario, ma anche delle festività e delle chiusure per ferie. Quella che appare sullo schermo è la mappa reale (geolocalizzazione), con tanto di indicazioni stradali e numero di telefono della farmacia aperta semplicemente attivando la funzione touch dello smartphone. La nuova applicazione gratuita rivolta al cittadino è ...

continua a leggere >>

 
«Fare chiarezza sui preparati a base di cannabis ad azione terapeutica e sulla loro dispensazione è un nostro dovere, in primis per non creare false aspettative o insinuare dubbi nei pazienti veramente bisognosi di cure e nelle loro famiglie che vivono quotidianamente drammi reali e sofferenze ineluttabili». Arianna Capri vicepresidente di Federfarma Verona interviene energicamente in merito alla Cannabis medicinale che, sottolinea, «può essere erogata solo dalle farmacie ospedaliere e di comunità capillarmente distribuite sul territorio. Fermo restando che la Cannabis acquistabile fuori canale farmacia non ha alcun effetto terapeutico definito». «Una prima puntualizzazione deve essere fatta in merito alla concentrazione (titolo) dei principi attivi quali il Thc (tetraidrocannabinolo) e Cbd (cannabidiolo), presenti in concentrazioni utili all’attività terapeutica solo nei medicinali siano essi di origine industriale che galenici realizzati per singolo paziente in farmacia – spiega Arianna Capri -. Nei prodotti, e sottolineo “prodotti” in quanto ...

continua a leggere >>

 
«Abbiamo sempre guardato con molta attenzione alla riorganizzazione dell’assistenza territoriale in quanto riteniamo che essa debba garantire la reale accessibilità del cittadino alle cure, la continuità e l’uniformità assistenziale su tutto il territorio regionale – spiega Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona, l’Associazione dei titolari di farmacia -. La preoccupazione, già espressa all’indomani dell’approvazione delle “Linee di indirizzo e operative per l’attuazione della D.G.R. n. 41 del 18.1.2011 – medicina generale” varate quindi sette anni fa dalla Giunta regionale del Veneto, si è rivelata ...

continua a leggere >>

 
Aiutare i cittadini a comprendere quali conseguenze negative sulla guida possono comportare alcuni farmaci è l’obiettivo del pieghevole informativo, stampato in 4 mila copie e disponibile nelle farmacie veronesi e nelle sedi della Polizia municipale. Tra i conducenti che, dopo un incidente, sono risultati positivi a qualche sostanza (alcol e/o droghe e farmaci), infatti, i medicinali sono al secondo posto per presenza dopo la cannabis. Guidare infatti è un’operazione molto complessa, che richiede concentrazione e prontezza di riflessi, due capacità che rischiano di essere compromesse non solo da alcol e droghe, ma anche dai comuni farmaci, acquistati con o senza ricetta medica, che possono diminuire il ...

continua a leggere >>

 


^ Torna su ^

Cerca tra le notizie
 
gsk
Pillole
top
left euposia right
bottom
Titolo
Archiviati per sezione:
Agricoltura (143)
Ambiente (766)
Appuntamenti (69)
Arte (219)
Attualità (869)
Boomerang (2)
Bulldog (30)
Costume (2)
Cronaca (1469)
Cultura (210)
Economia (1038)
Happy hour (122)
Inchiesta (15)
Musica (3)
Pecora Nera (15)
Politica (523)
Pungitopo (1)
Quattro chiacchiere (8)
Redazione (2)
Salute (34)
Sanità (984)
Scuola (221)
Sogno o son destro? (110)
solidarietà (373)
Sparagli Piero (42)
Spettacoli (866)
Spin Doctor (63)
sport (156)
Tempo libero (106)

Archiviati per mese:
Ottobre 2018
Settembre 2018
Agosto 2018
Luglio 2018
Giugno 2018
Maggio 2018
Aprile 2018
Marzo 2018
Febbraio 2018
Gennaio 2018
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Febbraio 2006
Gennaio 2006

L'Adige - Archivio numeri arretrati
top
left pillole right
bottom
Titolo  
L'ADIGE di Verona

Autorizz.Tribunale C.P. di Verona
nr. 1356 del 16/3/99
Iscrizione al Registro Nazionale della
Stampa n. 8857 del 15/12/2000

CONTESTO EDITORE scarl
Palazzo Ravignani - Via Frattini, 3
37121 Verona

Presidente e Direttore Responsabile:
Beppe Giuliano
Caporedattore:
Nicoletta Fattori

Redazione e Pubblicità:
Via Frattini, 3 - 37121 Verona
Tel. 045 8002685
Fax 045 596242
Per l’invio di comunicati stampa:
desk@giornaleadige.it

 

Feed XML RSS 0.91
Feed XML Atom 0.3

Valid XHTML 1.0 / CSS top